Skip to content Skip to main navigation Skip to footer

Ponte a bilanciere di Caposile

Il Ponte a bilanciere è un ponte mobile situato in località Caposile, al confine tra il comune di San Donà e quello di Musile, collega le sponde della Piave Vecchia, a monte della confluenza con il Taglio del Sile.

La costruzione fu decisa del 1922 dalla Provincia di Venezia e fu completato tra il 1925 e il 1927, su disegno dell’ingegner Giuseppe Pasquali. Ad opera ultimata, si decise di dedicarla al Gen. Armando Diaz, Capo di stato Maggiore del Regio Esercito durante la Grande Guerra, che organizzò la difesa del fronte italiano lungo le sponde del Piave.

Grazie al meccanismo di apertura levatoio, formato da un sistema di contrappesi, si poteva procedere al sollevamento dell’impalcato carrabile, così il ponte garantiva allo stesso tempo il transito dei burchi da trasporto e di altre imbarcazioni nell’alveo del fiume e l’attraversamento del fiume al traffico automobilistico, della strada provinciale che allora conduceva a Jesolo. A poche decine di anni dalla sua costruzione, con l’inaugurazione della nuova strada provinciale 43 per Jesolo, l’attivazione del meccanismo d’apertura a bilanciere divenne sempre più rara e fu definitivamente abbandonata nel 1957.

Per le sue forme è stato paragonato al famoso Ponte di Langlois, soggetto ricorrente nelle opere di Van Gogh.

Sulla sponda destra si può notare il Monumento dedicato ai caduti del VII e VIII Battaglione della Guardia di Finanza nel corso della Grande Guerra e nella Battaglia del Piave.

Indirizzo

Via IV Novembre
Caposile

Open in Google Maps